Quali sono gli ingredienti della birra

Dopotutto fare la birra, se fatto con precisione e cautela, non è così difficile. Cominciamo quindi con le basi, gli ingredienti principali.

Acqua

Nonostante la birra sia composta per lo più da acqua, questo ingrediente viene spesso sottovalutato e trascurato. Una cosa è certa, se usi un’acqua cattiva di sicuro non otterrai una buona birra. Il gusto dell’acqua può venire influenzato da numerosi fattori, è perciò compito del birraio analizzare, scegliere e correggere l’acqua in base alla birra che intende produrre.

Gli elementi dell’acqua che influenzano il sapore della birra sono:

  • Livelli del pH
  • Sali minerali presenti
  • Presenza di cloro e solfati
  • Durezza

Al fine di ottenere il prodotto desiderato, l’acqua viene spesso depurata o distillata in modo da poter aggiungere manualmente sali minerali e prodotti chimici. Così diventa possibile produrre qualsiasi tipo di birra indipendentemente dalla acqua che avete a disposizione a casa vostra.

Quando si sceglie l’acqua da utilizzare per la produzione della propria birra, bisogna tenere conto dell’influenza dei minerali sul sapore finale del tuo prodotto e sull’efficacia degli enzimi durante il processo di birrificazione.

Malto

La produzione di ogni bevanda alcolica richiede una fonte di zuccheri. Nel caso del vino gli zuccheri provengono dall’uva, nella produzione di birra gli zuccheri vengono offerti dai cereali, in specifico l’orzo.

Una volta che l’orzo viene raccolto deve passare attraverso il processo di maltificazione. L’orzo viene quindi messo a mollo nell’acqua e scaldato leggermente al fine di indurre la germinazione durante la quale i carboidrati vengono trasformati in zuccheri semplici.

L’orzo, ora definito malto, viene tostato a temperature e tempi diversi a seconda della tipologia di malto che si intende ottenere. Le birre più leggere vengono prodotte utilizzando malto tostato leggermente, mentre il malto tostato più a lungo viene impiegato nella produzione di birre più scure come le porter e le stout.

Luppoli

I luppoli sono fiori verdi di forma conica che, se aggiunti al mosto durante la bollitura, operano da agenti conservanti e forniscono aromi e l’amaro tipico della birra, necessario per contrastare gli zuccheri del malto. A seconda della fase della birrificazione in cui i luppoli vengono aggiunti si ottengono risultati diversi.

Esistono numerose varietà di luppoli, ognuna caratterizza la birra con qualità e aromi unici. A seconda del risultato che si vuole ottenere è possibile utilizzare quantità e qualità di luppoli differenti. Inoltre, i luppoli hanno anche un effetto antibiotico che favorisce l’azione dei lieviti a discapito di altri micro organismi non desiderabili.

Lievito

Il lievito è un microrganismo unicellulare che si ciba dello zucchero del malto e lo trasforma in alcool e anidride carbonica. Dopo una o due settimane di fermentazione il lievito smette di riprodursi, viene quindi raccolto dai mastri birrai per poter essere utilizzato nuovamente. Infatti, se trattato con cura, un ceppo di lievito può venir utilizzato per generazioni.

Alcuni lieviti sono neutrali e non aggiungono alcun aroma o sapore al birra, altri invece sono famosi per i gusti particolari che forniscono come nel caso della Hefeweizen e il suo retrogusto alla banana.

ilbeershop-admin-it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto